Linee di indirizzo per i controlli interni durante l’emergenza da Covid-19: controllo strategico

Proseguiamo l’analisi delle linee guida adottate dalla Sezione delle Autonomie della Corte dei conti con la delib. n. 18/SEZAUT/2020/INPR, occupandoci del controllo strategico.
Al riguardo, occorrerà esaminare le varianti all’impostazione originaria del bilancio di previsione ed avviare una serie di attività e di adempimenti finalizzati ad adeguare tanto la programmazione economico-finanziaria, quanto quella strategico-operativa, alle disposizioni nazionali e alle emergenze determinate dalla situazione sanitaria.
Ciò potrebbe comportare una variazione delle linee programmatiche e, conseguentemente, dei piani strategici e degli strumenti della programmazione regionale e locale (DEFR e DUP) con contenuti e modalità differenti a seconda del diverso grado di avanzamento e della coerenza degli stessi con i risultati attesi.
La situazione emergenziale implica la necessità di adozione di nuovi piani strategici, da adeguare in relazione alle mutate misure organizzative ed alle nuove urgenze nella gestione dell’ente. Ciò potrebbe indurre a rivedere le priorità e a ricalibrare gli interventi prioritari, anche individuando ulteriori risorse da impiegare.
In questa logica, considerando anche il contesto di risorse scarse in cui si muovono le amministrazioni territoriali, andrebbero rivisti i documenti programmatici (DEFR per le Regioni e DUP per gli Enti locali) per individuare i mezzi finanziari e gli interventi ritenuti prioritari, anche in rapporto all’amministrazione degli organismi partecipati.
Nella riprogrammazione della gestione, inoltre, si dovrebbero considerare i rischi connessi all’emergenza sanitaria e prevederne gli impatti strategici e operativi sul bilancio, nonché sull’organizzazione degli enti, con particolare riguardo a quelli derivanti dalla scelta di forniture o professionalità difficilmente surrogabili, anche ai fini della predisposizione delle eventuali soluzioni alternative.
Nell’ambito della gestione delle risorse umane, sarebbe utile, altresì, stimare gli effetti della prosecuzione delle modalità di lavoro agile rispetto a quelle tradizionali e valutare quale potrebbe essere l’impatto dei processi di lavoro a distanza sull’intera organizzazione del lavoro.

Condividi!