Semplificazioni fiscali 2019: arriva l’approvazione della Camera

Approvata dalla Camera dei Deputati in data 15 maggio 2019, e in attesa dell’ok definitivo da parte del Senato, la proposta di legge sulle semplificazioni fiscali, la quale, probabilmente, in parte andrà a confluire nel Decreto Crescita.

Tra le novità previste dal provvedimento segnaliamo innanzitutto la previsione di un termine più ampio per l’emissione della fattura elettronica: da 1° luglio 2019 si passerà infatti da 10 a 15 giorni dalla data di effettuazione dell’operazione, per l’emissione della fattura.   

Altra novità riguarda la modifica dei termini per le comunicazioni dei dati delle liquidazioni IVA trimestrali (LIPE) che da quattro diventano tre. La comunicazione LIPE per il quarto trimestre potrà essere effettuata con la dichiarazione annuale IVA, e dovrà essere presentata entro il mese di febbraio dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta.

Ancora, nell’ambito dell’accertamento fiscale, si stabilisce l’onere per l’Amministrazione finanziaria di avviare un contraddittorio con il contribuente in tutti i procedimenti relativi al controllo fiscale. In questo modo il contribuente potrà difendere la propria posizione prima dell’avviso di accertamento.

A cambiare è anche la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi e della dichiarazione Irap, rinviata dal 30 settembre al 30 novembre e la scadenza per l’invio della dichiarazione IMU e TASI, rinviata al 31 dicembre.

Le modifiche al calendario delle scadenze fiscali dovrebbero essere operative a partire dal 2020.

 

 

Condividi!