Interdata Cuzzola S.r.l. - 13/02/2020 - Assistenza Fiscale

La dichiarazione dei redditi del contribuente affetta da errore è emendabile e ritrattabile anche in sede di contenzioso

 

 

La dichiarazione dei redditi del contribuente, affetta da errore di fatto o di diritto commesso dal dichiarante nella sua redazione, è emendabile e ritrattabile anche in sede di contenzioso, quando dalla medesima possa derivare l’assoggettamento del dichiarante ad oneri contributivi diversi e più gravosi di quelli che, sulla base della legge, devono restare a suo carico: è il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con la recente ordinanza 28 gennaio 2020, n. 1862.

Ed infatti, secondo i giudici, la dichiarazione dei redditi non ha natura di atto negoziale e dispositivo, ma reca una mera esternazione di scienza e di giudizio, modificabile in ragione dell’acquisizione di nuovi elementi di conoscenza e di valutazione sui dati riferiti. Del resto, una interpretazione giurisprudenziale che non consentisse la correzione della dichiarazione darebbe luogo a un prelievo fiscale indebito, incompatibile con i principi costituzionali della capacità contributiva di cui all’art. 53 Cost., comma 1, e dell’oggettiva correttezza dell’azione amministrativa, di cui all’art. 97 Cost, comma 1 (cfr. Cass., n. 2226/11).

Il contribuente, quindi, non solo può contestare, anche emendando le dichiarazioni da lui presentate all’Amministrazione finanziaria, l’atto impositivo che lo assoggetti ad oneri diversi e più gravosi di quelli che, per legge, devono restare a suo carico; ma tale contestazione, impugnando la cartella esattoriale, è l’unica possibile, non essendogli consentito di esercitare alcuna reazione di rimborso dopo il pagamento della cartella.

logo

Interdata Cuzzola S.r.l.

Via del Gelsomino, 37

89128 Reggio Calabria (RC)

partita IVA 01153560808

REA RC116134

Cap. Soc. 10.000 € i.v.

pec direzione@pec.cuzzola.it

email info@cuzzola.it

tel +39 0965 28125

fax +39 0965 187 0378

Copyright 2018 © All Rights Reserved