Addio agli studi di settore: debutto per i modelli ISA 2019

Debuttano quest’anno e sono già disponibili on-line sul sito dell’Agenzia delle Entrate i 175 modelli, insieme alle istruzioni, per l’applicazione dei nuovi Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), i quali subentrano agli studi di settore.

Gli indici sintetici ISA sono costituiti da un insieme di indicatori di affidabilità e di anomalia e consentono, utilizzando una scala di punteggio da 1 a 10, di collocare il livello di affidabilità fiscale dei contribuenti. Si tratta di uno strumento che ha l’obiettivo di favorire la compliance e rafforzare la collaborazione con l’Amministrazione finanziaria assicurando al contempo una maggiore equità nel trattamento fiscale dei soggetti obbligati.

I contribuenti più “affidabili”, ossia quelli che con un punteggio alto, avranno accesso ad importanti benefici premiali, come, ad esempio, l’esclusione dagli accertamenti di tipo analitico-presuntivo e la riduzione dei tempi per ricevere i rimborsi fiscali.

I modelli, che dovranno essere compilati dai contribuenti che nel 2018 hanno esercitato in via prevalente una delle attività soggette agli indici di affidabilità fiscale e che confluiranno nella dichiarazione Redditi 2019, dovranno essere trasmessi in via telematica insieme alla dichiarazione dei redditi, direttamente via Entratel o Fisconline, oppure tramite un intermediario incaricato.

Condividi!