Niente semplificazione per il PTPCT per le Unioni

L’ANAC, nell’approvazione dell’Aggiornamento 2018 al Piano Nazionale Anticorruzione (delibera 21 novembre 2018 n. 1074), ha stabilito alcune semplificazioni relative all’adozione annuale del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza per gli enti locali di piccole dimensioni.

Nello specifico è stato previsto che i piccoli Comuni, per i quali rimane comunque l’obbligo di adottare il PTPCT triennale entro la scadenza, fissata per legge, del 31 gennaio, in considerazione delle difficoltà dovute proprio in ragione delle loro dimensioni ridotte e solo nei casi in cui nell’anno successivo all’adozione del PTPCT non si siano verificati fatti corruttivi o modifiche organizzative rilevanti, possono provvedere all’adozione del PTPCT con modalità semplificate.

Tale semplificazione consiste nell’adozione di un provvedimento con il quale, contemporaneamente, si attesta l’assenza di fatti corruttivi nel corso dell’ultimo anno e viene convalidato il piano anticorruzione già adottato, pur essendo prevista la possibilità di integrazione e/o variazione delle misure preventive presenti nel piano triennale, nel caso in cui emergessero elementi significativi a seguito dell’attività di monitoraggio posta in essere dal responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza dell’ente.

Rispetto a tali semplificazioni, a seguito della richiesta da parte del Presidente di una Unione di Comuni di piccoli dimensioni, di poter estendere tale agevolazione anche appunto all’Unione, l’Autorità Nazionale Anticorruzione con la deliberazione n. 881 del 25 settembre 2019, depositata in data 3 ottobre 2019, afferma la non estendibilità alle Unioni della modalità semplificata prevista per i piccoli Comuni, in quanto la legge prevede già procedure semplificate per le Unioni di Comuni alle quali, ad esempio, è data la possibilità, se prevista dallo statuto, di poter gestire la prevenzione della corruzione, con l’adozione di un unico Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC) che tenga conto sia delle funzioni gestite dall’Unione, sia delle funzioni svolte autonomamente dai singoli comuni. Pertanto, concedere ulteriori semplificazioni procedurali comporterebbe una eccessiva riduzione degli obblighi legati all’attività di prevenzione della corruzione e della trasparenza previste dalla L. n. 190/2012.

logo

Interdata Cuzzola S.r.l.

Via del Gelsomino, 37

89128 Reggio Calabria (RC)

partita IVA 01153560808

REA RC116134

Cap. Soc. 10.000 € i.v.

pec direzione@pec.cuzzola.it

email info@cuzzola.it

tel +39 0965 28125

fax +39 0965 187 0378

Copyright 2018 © All Rights Reserved

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Cliccando su Accetto, scrollando questo messaggio o continuando la navigazione, consenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy

Politica dei cookie di questo sito in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione. A tale proposito se hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email all'indirizzo info@cuzzola.it

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.cuzzola.it

Chiudi