Mancato invio telematico dei questionari: il revisore rischia la revoca

Il perdurante inadempimento del revisore nella compilazione e nell’invio dei questionari relativi al rendiconto e al bilancio di previsione tramite il sistema Con.Te., nonostante un precedente sollecito ed un conseguente termine fissato per adempiere, costituisce violazione di un preciso obbligo di legge ed inadempimento che ostacola l’esercizio delle funzioni di controllo proprie della magistratura contabile: è quanto affermato dalla Corte dei conti, sez. reg. di controllo per il Piemonte, nella delib. n. 107/2021/PRSE, depositata lo scorso 16 settembre.

I giudici, di conseguenza, hanno segnalato detto comportamento inadempiente al Consiglio Comunale per l’eventuale revoca dell’organo di revisione ex art. 235, comma 2, del TUEL (Decreto Legislativo n. 267/2000), riservandosi di comunicare l’inadempimento del revisore al Ministero degli Interni, Dipartimento per gli Affari interni e territoriali.

Condividi!