Interdata Cuzzola S.r.l. - 18/09/2020 - Enti Locali / evidenza / News

Il preliminare di vendita non giustifica l’iscrizione del residuo attivo

Il preliminare di vendita di un immobile pubblico non è un titolo giuridico idoneo a giustificare l’iscrizione dei relativi proventi tra i residui attivi del Comune: è quanto affermato dalla Corte dei conti, sez. reg. di controllo per la Lombardia, nel recente delib. n. 117/2020/PRSP del 15 settembre u.s.

A conferma di tale principio è utile ricordare che l’All. 4/2 al Decreto Legislativo n. 118/2011 individua nel contratto di compravendita (che ha effetto reale, ossia traslativo del bene) l’accertamento delle entrate con imputazione nel primo esercizio se il pagamento non è stabilito oltre i 12 mesi dell’anno successivo; evidentemente, il carattere obbligatorio e non reale del preliminare di vendita giustifica il differente trattamento contabile.

Ovviamente, l’eventuale inserimento tra i residui attivi del futuro prezzo di cessione del bene previsto nel preliminare comporta un risultato di amministrazione migliorativo ma non veritiero.

 

logo

Interdata Cuzzola S.r.l.

Via del Gelsomino, 37

89128 Reggio Calabria (RC)

partita IVA 01153560808

REA RC116134

Cap. Soc. 10.000 € i.v.

pec direzione@pec.cuzzola.it

email info@cuzzola.it

tel +39 0965 28125

fax +39 0965 187 0378

Copyright 2018 © All Rights Reserved