Pagamento debiti fuori bilancio: la novella del Decreto Agosto

L’art. 53, comma 6, del Decreto Agosto (DL 14 agosto 2020, n. 104) ha modificato il comma 3 dell’art. 194 del TUEL (Decreto Legislativo n. 267/2000) in materia di debiti fuori bilancio, disponendo che l’Ente, per il relativo finanziamento, “in presenza di piani di rateizzazioni con durata diversa da quelli indicati al comma 2 [ossia, triennale], può garantire la copertura finanziaria delle quote annuali previste negli accordi con i creditori in ciascuna annualità dei corrispondenti bilanci, in termini di competenza e di cassa”.

In attesa di verificare eventuali modifiche in sede di conversione del Decreto, si può evidenziare che la novella introduce un elemento rilevante: riconosce implicitamente la legittimità di piani di rateizzazioni concordati con i creditori aventi durata superiore al triennio; si tratta di un aspetto di notevole rilevanza pratica, che consentirebbe una maggiore elasticità a favore dell’ente locale e potrebbe, in molti casi, rendere superfluo il ricorso ad un piano di riequilibrio finanziario pluriennale.

Per quanto concerne gli aspetti contabili, ricordiamo che la Corte dei conti, sez. Autonomie, nella delib. n. 21/2018, aveva già evidenziato che, per esigenze di sostenibilità finanziaria, con l’accordo dei creditori interessati, è possibile rateizzare il pagamento dei debiti riconosciuti in tre anni finanziari compreso quello in corso, ai sensi dell’art. 194, comma 2, del TUEL, a condizione che le relative coperture, richieste dall’art. 193, comma 3, siano puntualmente individuate nella delibera di riconoscimento, con conseguente iscrizione, in ciascuna annualità del bilancio, della relativa quota di competenza secondo gli accordi del piano di rateizzazione convenuto con i creditori.

 

Condividi!