Interdata Cuzzola S.r.l. - 03/04/2020 - evidenza / News

Lavoro agile: le indicazioni della circ. 2/2020 del Ministro per la P.A.

Pubblicata sul sito della Funzione Pubblica la circ. 2/2020 (consultabile al seguente link: http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/02-04-2020/circolare-n-2-del-1-aprile-2020), con cui vengono forniti ulteriori indicazioni per la corretta applicazione del c.d. lavoro agile nelle PP.AA.

Fra gli aspetti più rilevanti, segnaliamo:

  • nell’ipotesi di assunzione di nuovo personale, il periodo di prova non è incompatibile con la modalità del lavoro agile. Ai fini del compimento del periodo di prova, infatti, si tiene conto del servizio effettivamente prestato. Il principio è desumibile anche dalle previsioni dell’art. 14 della Legge n. 124 del 2015, secondo cui le amministrazioni garantiscono che i dipendenti in smart working non subiscano penalizzazioni ai fini del riconoscimento di professionalità e della progressione di carriera;
  • è auspicabile che le amministrazioni promuovano percorsi informativi e formativi in modalità agile che non escludano i lavoratori dal contesto lavorativo e dai processi di gestione dell’emergenza, soprattutto con riferimento a figure professionali la cui attività potrebbe essere difficilmente esercitata in modalità agile e per le quali l’attuale situazione potrebbe costituire un momento utile di qualificazione e aggiornamento professionale;
  • il personale in smart working non ha un automatico diritto al buono pasto e ciascuna PA deve assumere le determinazioni di competenza in materia, previo confronto con le organizzazioni sindacali;
  • le prestazioni eccedenti l’orario settimanale che diano luogo a riposi compensativi, prestazioni di lavoro straordinario, prestazioni di lavoro in turno notturno, festivo o feriale non lavorativo che determinino maggiorazioni retributive, brevi permessi o altri istituti che comportino la riduzione dell’orario giornaliero di lavoro appaiono difficilmente compatibili con la strutturazione del lavoro agile quale ordinaria modalità delle prestazione lavorativa. Si ritiene pertanto conforme a normativa che una PA non riconosca a chi si trova in modalità agile, ad esempio, prestazioni di lavoro straordinario;
  • ferma restando la prioritaria scelta del legislatore, in termini generali, a favore del lavoro agile, è legittimo che le amministrazioni possano ricorrere all’istituto delle ferie, se del caso a rotazione o intervallate con il lavoro agile, anche in ragione dei picchi di attività; non rientrano, tuttavia, nel concetto di ferie pregresse le giornate per le festività soppresse, che devono necessariamente essere godute nell’anno di riferimento, pena la non fruibilità delle stesse.
logo

Interdata Cuzzola S.r.l.

Via del Gelsomino, 37

89128 Reggio Calabria (RC)

partita IVA 01153560808

REA RC116134

Cap. Soc. 10.000 € i.v.

pec direzione@pec.cuzzola.it

email info@cuzzola.it

tel +39 0965 28125

fax +39 0965 187 0378

Copyright 2018 © All Rights Reserved