Con la recente deliberazione n. 27/2019, la Corte dei Conti Sezione Autonomie ha definitivamente chiarito che è sempre necessaria la delibera del Consiglio Comunale per il pagamento di un debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva (art. 194, comma 1, lett. a) del TUEL – Decreto Legislativo n. 267/2000).

L’intervento della Sezione era stato richiesto dalla Corte dei Conti, sez. reg. Puglia con la deliberazione         n. 44/2019, allo scopo di chiarire se, esclusivamente per l’ipotesi del debito derivante da sentenza, fosse possibile procedere al pagamento senza il preventivo passaggio in Consiglio, per esigenze di tempestività e tenendo conto che, nel caso specifico, non è ravvisabile alcuna discrezionalità in merito all’an e al quantum della somma da riconoscere. La Sezione Autonomie ha ritenuto che, alla luce del vigente quadro normativo, non può delinearsi un regime differenziato per i debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive e, conseguentemente, è sempre necessario il tempestivo intervento del Consiglio, propedeutico al pagamento.