L’art. 34 del Decreto Fiscale (D.L. n. 124/2019) proroga al 2021 l’attribuzione ai Comuni dell’incentivo previsto per la partecipazione all’attività di accertamento tributario, pari al 100 per cento del riscosso a titolo di accertamento nell’anno precedente, a seguito delle segnalazioni qualificate trasmesse dagli enti.

Si tratta dell’ulteriore riconoscimento del ruolo dei Comuni nella lotta all’evasione, che ha determinato un beneficio tangibile agli enti stessi: infatti, l’incentivo ha garantito circa 11 milioni di euro nel 2017 e circa 13 milioni negli anni 2018 e 2019.