Decreto crescita: proroga al rendiconto 2019 per lo stralcio dei crediti fino a 1.000 euro

Un emendamento accolto in fase di conversione del c.d. Decreto Crescita (DL n. 34/2019) ha disposto la proroga al rendiconto 2019 del termine entro cui procedere allo stralcio dei crediti fino a 1.000 euro.

L’esigenza, sollevata dall’Anci, è giustificata dal fatto che l’Agenzia delle Entrate ha inviato tardi le informazioni connesse agli importi non più dovuti dai contribuenti per i crediti iscritti a ruolo dai Comuni. Infatti, detta comunicazione è arrivata solo dopo il 18 aprile 2019, ossia troppo vicina alla data di approvazione del rendiconto 2018 (30 aprile).

L’emendamento prevede che gli enti creditori adattino le proprie scritture contabili entro la data del 31 dicembre 2019, tenendo conto degli eventuali effetti negativi già nel corso della gestione e creando un vincolo ad hoc con le eventuali risorse disponibili alla data della comunicazione (art. 4, comma 1, del DL n. 119/2018).

Di tali effetti bisognerà tenere conto già al prossimo adempimento relativo alla verifica degli equilibri, da effettuare entro il 31 luglio: in particolare, sarà necessario verificare se lo stralcio dei suddetti crediti trova copertura nel FCDE già accantonato a rendiconto 2018.

Ricordiamo, infine, che l’art. 11 bis, comma 6, del DL n. 135/2018 ha previsto il ripiano nel massimo di cinque annualità in quote costanti dell’eventuale disavanzo derivante dallo stralcio.

Condividi!