L’Agenzia delle Entrate, con comunicato stampa del 12 aprile, ha informato i contribuenti che, a far data dal 15 aprile, è possibile consultare i dati della propria dichiarazione.

Il modello 730 precompilato 2019 potrà essere scaricato, accettato, integrato e inviato telematicamente a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio. Oltre ai dati già a disposizione, l’Agenzia delle Entrate ha già inserito nei modelli anche i dati inviati dagli enti esterni (ad esempio: studi medici, farmacie, banche, assicurazioni, università, ecc.) e dai datori di lavoro tramite le certificazioni uniche.

Per modificare i dati o per integrarli, il contribuente può agire autonomamente scaricando il modello dal sito dall’Agenzia delle Entrate e cancellando quanto inserito per modificarlo. Per integrare i dati mancanti, invece, sarà necessario compilare gli spazi dedicati alla voce da riportare, controllare ulteriormente quanto inserito e confermare le novità inserite per poi rinviare online il modello.

Inoltre, qualora il contribuente dovesse riscontrare eventuali errori nel modello 730 precompilato 2019, può annullare l’invio del modello e procedere alla compilazione di una nuova dichiarazione dei redditi. Sottolineiamo che è possibile effettuare l’annullamento del 730 già trasmesso soltanto una volta.